Martino Scanferlato Web designer logo mobile

WEB...ZONE

Blog di notizie dal mondo di Internet

08

01/2015

Tendenze Web per il 2015

Categorie: html, varie

Tendenze Web per il 2015

In questi giorni di festa ho ospitato le mie nipoti di 11 e 14 anni. Mentre stavo analizzando alcuni siti non responsive la prima si é avvicinata e mi ha chiesto cosa stavo facendo. Per rispondergli ho dovuto ovviamente spiegarle il significato di "responsive".
Lei, con aria seccata (data l’ovvietá della cosa), ha esclamato: "Ma chi fá un sito che non si vede sui cellulari? É vecchio, nessuno usa piú il computer fisso".
Potrei chiudere qui il post: a mio avviso le tendenze 2015 sono tutte in questa affermazione.

La nuova generazione utilizza la tecnologia "mobile" come se fosse sempre esistita. É lo specchio di un cambiamento in atto giá da alcuni anni, che avrá il suo massimo sviluppo nel prossimo futuro.
Documentandomi per scrivere questo post ho potuto appurare che il "mobile" saré la melodia sulle cui note ci sveglieremo la mattina, lavoreremo durante il giorno e ci addormenteremo la sera.
Sará la ns. vita (almeno lavorativa).

Per quanto riguarda le tendenze Web per il 2015, elenco di seguito quelle su cui il maggior numero di autori concordano.

Responsive Design
Come detto, la diffusione dei sistemi "mobile" (Smartphone e Tablet) continua inarrestabile. Una ricerca di Nielsen Mobile del 2014 (Nielsen Global Survey of E-commerce – Agosto 2014) ha rivelato che il 71% della popolazione americana possiede uno smartphone e lo utilizza per mail e social network. Di questi il 26% lo utilizza anche per fare acquisti on line. A questo dato dobbiamo aggiungere il 27% degli utilizzatori di tablet, per un totale complessivo del 53% di utenti di tecnologia "mobile" che utilizzano la loro periferica preferita per acquisti on line.
Il dato é in crescita rispetto agli anni precedenti ed é riferito alla società americana. Il settore Europeo di poco si discosta, mentre per altre zone del pianeta il dato è anche più importante.
Questo ovviamente si accompagna alla necessitá di far fruire l’utente del ns. lavoro anche (e soprattutto) quando é in mobilitá.
Responsive Design quindi e lunga vita alle media query.

Flat Design
Il sito "mobile" é un sito semplice per sua natura. Lo schermo é piccolo, lo spazio é poco, la memoria mai abbastanza, i tempi di caricamento lunghi e anche i costi, nella stragrande maggioranza dei casi, sono legati al mb.
Il Flat Design si adatta perfettamente a queste necessitá: piatto, semplice, essenziale. Ed é molto bello anche nella versione desktop, magari leggermente arricchita da animazioni css o immagini delle giuste dimensioni.
Qualcuno non ci crede (e lo considera una tendenza giá morta), ma la maggior parte dei commentatori prevede un futuro ancora brillante per questo layout.

Tipografia
Addio caratteri standard. Finalmente l’Arial potrá godersi la meritata pensione.
Ok, devo essere sincero: pensavo fosse giá cosí (di mio non uso quasi mai i caratteri standard). Tant’é.
Quasi tutti i commentatori concordano sul fatto che i fonts 2015 arriveranno direttamente da Google tramite l’omonimo servizio. Si rinnoverá anche l’attenzione all’interlinea e alle altre caratteristiche tipografiche.
In questo caso probabilmente Apple ha fatto scuola. In un passaggio del famoso discorso di Steve Jobs ai neolaureati di Stanford il fondatore della Apple avocava alla sua azienda lo sdoganamento della tipografia nel settore software.
Apple = Iphone;
Apple = Ipad;
Apple=first mobile.
L’esigenza é sempre quella: testi definiti, belli e accattivanti, che attirino l’attenzione, ma che siano anche semplici da leggere e leggeri da caricare. La tecnica c’é perché non usarla.

Scrolling
Sará l’anno dello scrolling. Di più: sará l’anno dello scrolling parallaxato.
Tutti i siti specializzati sono d’accordo.
Ok non tutti, ma la maggior parte.
Una pagina <=> un sito. Tutte le singole sezioni una dietro l’altra come bravi soldatini; basta ruotare la rotella del mouse o utilizzare il dito per scorrere le notizie.
Sicuramente la comodità c’é: tutto é sulla pagina, basta trovarlo. Addio pagine multiple, incubo di tutte le periferiche "mobile": un unico caricamento e tutti i dati sono a disposizione.
Ma… siamo così sicuri che all’utente piaccia andare avanti e indietro sulla stessa pagina per mettere insieme tutti gli elementi che gli interessano? E siamo così sicuri che questa operazione sia cosí appagante se fatta in mobilitá? Non sarebbe più semplice per lui cliccare (cliccare! che parola vetusta…) per ottenere tutte le informazioni che gli interessano, opportunamente confezionate dal web designer? Forse ne perde un po’ l’aspetto grafico (che probabilmente interessa più a noi che all’utente) ma sicuramente, a mio avviso, ne guadagnano la semplicitá e la chiarezza.

Layout
Avete mai paragonato i Vs. lavori al cinema o all’editoria?
Probabilmente ve ne siete giá accorti: in quanto immagine il ns. prodotto é ispirato da queste due principali muse.
Cinema: grande schermo, immagini mozzafiato, effetti speciali.
Libro: ordine, chiarezza, essenzialitá al servizio del contenuto.
Due tendenze che, da sole o mischiate, troviamo in tutti i siti web.
Anche quest’anno questa bipolaritá sará destinata a durare. Data per scontata la fine definitiva del layout esclusivamente centrato e la rinnovata vitalitá di quello full screen (quando lo spazio è piccolo ogni pixel conta), ci sará chi punterá esclusivamente sulla mega immagine strafiga, magari animata (video) e su testi di piccole dimensioni tipograficamente cool e chi invece, pur mantenendo il full screen come elemento fondamentale, preferirá fornire contenuti tipograficamente cool (questo non cambia, vedi sopra) ingabbiati in reticoli invisibili ma non per questo meno reali, a volte eliminando proprio quell’immagine di sfondo così pesante da caricare.
Due scuole di pensiero con cui probabilmente convivremo ancora per molto.

Velocità
Non basta piú avere un sito.
Bisogna che sia veloce. La velocitá significa minor peso e come tale minori costi e maggiore velocitá in mobile, maggiore qualitá del codice, utilizzo ottimizzato di eventuali script, ma influisce anche sul posizionamento (Google stessa offre link ad un sistema di valutazione della velocità del sito).
Ben venga quindi un sito agile e veloce che riesce a coniugare il contenuto, l’aspetto grafico e la facilitá di consultazione.

Questi alcuni punti, ma come sempre chi vivrà vedrà.

Torna al blog
Torna all'inizio